Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Il 6 e il 7 maggio Regione Lombardia porta Cremona all’Unesco

Il 6 e 7 maggio, Regione Lombardia porta la liuteria cremonese all’Unesco a Parigi, con un’esposizione di violini, una mostra e un concerto con il violino “Vesuvio” di Antonio Stradivari, per celebrare il riconoscimento dell’iscrizione del “saper fare liutario” della Città di Cremona nella lista rappresentativa dell’Unesco.

L’evento è stato organizzato da Regione Lombardia con la collaborazione di Camera di Commercio di Cremona, Comune di Cremona, Museo del Violino, Scuola Internazionale di Liuteria e le Associazioni Liutarie.

La delegazione sarà composta per Regione Lombardia dal Presidente Roberto Maroni e dall’assessore alle Culture, Identità, Autonomie Cristina Cappellini, per Comune di Cremona dal Sindaco Oreste Perri, da Walter Montini e dall’Assessore Nicoletta De Bona, per la Camera di Commercio da Massimo Rivoltini, per il Museo del Violino dal Direttore Virginia Villa e dal Conservatore Fausto Cacciatori, per la Scuola Internazionale di Liuteria dalla Dirigente Mirelva Mondini e dal M° Giorgio Scolari, per Confartigianato dal M° Stefano Trabucchi, per Cna dal M° Francesco Toto, per il Consorzio Liutai dal M° Robert Gasser, per l’Associazione Liutaria Italiana (ALI)  dal  M° Gianni Morassi.

Dopo gli interventi del Presidente Maroni, dell’Assessore Cappellini, del Sindaco Perri e di Massimo Rivoltini, della Camera di Commercio di Cremona, il M° Antonio De Lorenzi alla presenza della delegazione italiana dell’Unesco, dell’Ambasciatore Vincenza Lomonaco e degli invitati eseguirà alcuni brani con il violino “Vesuvio” di Antonio Stradivari per presentare a tutti gli invitati l’inconfondibile suono di uno Stradivari.

Seguirà poi la presentazione della mostra sul violino concessa dalla Scuola Internazionale di Liuteria e dell’esposizione di alcuni strumenti di liutai contemporanei. In particolare saranno esposti gli strumenti di Alessandro Comendulli e di Marco Nolli per Confartigianato, gli strumenti della Scuola di Liuteria di Marcello Villa sotto la guida di Giorgio Scolari e di Schmalscheidt Johanna sotto la guida di Riccardo Bergonzi, gli strumenti di Pascal Hornung e di Mina Mazzolari per il Consorzio Liutai e gli strumenti di Sandro Asinari e di Fabrizio Portanti per l’ALI.

Dopo il concerto, l’evento inaugurale prevede un rinfresco a base di prodotti cremonesi e di vini lombardi. Lo Chef Claudio Nevi dell’Osteria la Sosta, in collaborazione con Gino Verdi, ha messo a punto un menu per valorizzare le produzioni alimentari cremonesi e lombarde.

La mattinata del 6 maggio prevede inoltre un incontro della delegazione con il Direttore dell’Istituto Italiano di cultura per parlare di possibili e future collaborazioni, anche in vista di Expo 2015. L’evento presso l’Unesco è stato infatti inserito da Regione Lombardia nelle attività di World Expo Tour che si sviluppa in una serie di incontri istituzionali con i Paesi che hanno aderito ad Expo.

La mostra e l’esposizione proseguiranno anche il 7 maggio.


Impostazioni dei Cookies

Questo sito utilizza cookie tecnici e, solo previo Suo consenso, cookie di Google Analytics per produrre statistiche aggregate sull'utilizzo del sito. I dati analitici non sono anonimizzati, possono consentire la profilazione di terza parte e comportano un trasferimento di dati all’estero, anche in Paesi non appartenenti allo Spazio Economico Europeo (SEE), come gli Stati Uniti d’America.

Per accettare tutti i cookie, clicchi su "Accetta tutti i cookies". Per proseguire la navigazione senza abilitare i cookie di profilazione clicchi sul tasto «X». Può gestire le sue preferenze sui cookie in ogni momento riaprendo il banner con l'apposito pulsante "Impostazioni cookie".

Per vedere la Cookie Policy completa, clicchi Maggiori informazioni.


Conferma la tua scelta
Accetta tutti i cookies
X