Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

LE PROCEDURE CONCORSUALI A PREMIO

E' previsto l'obbligo a carico dei promotori dei concorsi a premio di porre in essere adempimenti di natura amministrativa assolvibili mediante l'esclusivo utilizzo di modulistica appositamente predisposta dal Ministero dello Sviluppo Economico.

 

Cosa bisogna fare

Coloro che intendono svolgere un concorso a premio ne danno comunicazione, almeno 15 giorni prima dell'inizio, al Ministero dello Sviluppo Economico, mediante compilazione e trasmissione telematica di apposito modulo denominato PREMA CO/1 (Comunicazione di svolgimento di concorso a premi).

Contestualmente al mod. PREMA CO/1 i promotori debbono inviare al Ministero il Regolamento del Concorso e la documentazione comprovante l'avvenuto versamento della cauzione. Ogni eventuale modifica di una o più condizioni previste nel Regolamento originario comporta l'obbligo di una nuova comunicazione al Ministero dello Sviluppo Economico, utilizzando lo stesso modulo PREMA/CO1.

La modulistica, le istruzioni di compilazione e le modalità di trasmissione telematica possono essere acquisite sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico all'indirizzo www.sviluppoeconomico.gov.it ed in particolare alla pagina Dossier >> Manifestazioni a premio.


L'intervento del funzionario della fede pubblica

Il funzionario camerale responsabile della tutela del consumatore e della fede pubblica interviene, in alternativa al notaio, per le diverse fasi del concorso a premi e ne redige il relativo processo verbale.
Per ciascun singolo intervento il promotore richiedente deve versare alla Camera di Commercio la tariffa prevista.

  • Assegnazione dei premi: l'individuazione dei vincitori deve avvenire alla presenza del funzionario camerale, con le modalità indicate nel Regolamento. I premi non richiesti o non assegnati sono devoluti a organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) a scelta del promotore e preventivamente indicate nel mod.PREMA CO/1, mentre quelli rifiutati rimangono nella disponibilità del promotore.
  • Chiusura dei Concorsi a premio: l'ultima fase è la redazione del verbale con cui viene certificata la chiusura del concorso dandosi atto dell'effettiva consegna dei premi ai vincitori o della devoluzione di quelli non richiesti o non assegnati alla Onlus prescelta. Il promotore deve quindi compilare un modulo denominato PREMA CO/2 ed inviarlo telematicamente al Ministero dello Sviluppo Economico, unitamente a copia del processo verbale redatto dal funzionario camerale;

La modulistica, le istruzioni di compilazione e le modalità di trasmissione telematica possono essere acquisite sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico all'indirizzo www.sviluppoeconomico.gov.it ed in particolare alla pagina Dossier>>Manifestazioni a premio.


Per richiedere l'intervento del funzionario camerale

Le imprese che promuovono concorsi a premio e intendano avvalersi dell'operato della Camera di Commercio di Cremona debbono presentare richiesta di intervento del funzionario su carta intestata della società promotrice/delegata, utilizzando l'apposito modulo (Formato pdf - 28 kB).

La richiesta può essere presentata direttamente agli sportelli camerali,/oppure  via posta / o  via fax al n. 0372 490333 al seguente indirizzo:

Camera di Commercio di Cremona - Servizio  Tutela del Mercato e della Fede Pubblica
Piazza Stradivari 5  CREMONA

E' necessario allegare copia:

  • del regolamento del concorso
  • del modulo prema CO/1 inviato al MiSE
  • della prova del pagamento della tariffa

ATTENZIONE: per motivi organizzativi è necessario rivolgere istanza di intervento del funzionario camerale almeno 15 giorni prima della data ipotizzata

Allegati :

N.B. Tali somme sono da versare primadell'intervento, con le modalità specificate, avendo cura di indicare nella causale la seguente descrizione: concorso a premio + nome istante e titolo del concorso


Regolarità integrità ed imparzialità delle operazioni di estrazione

La Camera di Commercio di Cremona richiede, ai sensi dell'art. 9 D.P.R. 26.10.2001 n. 430, qualora l'estrazione dei premi in concorso avvenga con l'utilizzo di un meccanismo di gioco (informatico, meccanico od altro) che venga prodotta autocertificazione da parte del legale rappresentante dell'azienda produttrice del software o del meccanismo attestante come il meccanismo o programma ideato per il concorso garantisca la casualità ed imparzialità nell'attribuzione dei premi, non sia manomettibile con interventi interni od esterni e, per i criteri adottati, garantisca la tutela della fede pubblica.


Analoga autodichiarazione attestante la regolarità, l'imparzialità e l'integrità della raccolta, viene richiesta al legale rappresentante della ditta promotrice nel caso in cui l'assegnazione dei premi avvenga tramite estrazione manuale da una raccolta di cartoline, schede od altro materiale cartaceo custodito in uno o più contenitori messi a disposizione del funzionario camerale.


La dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà rilasciata dal legale rappresentante della società ideatrice del meccanismo o della ditta promotrice in caso di raccolta materiale, deve recare la firma autenticata ovvero copia del documento d'identità del sottoscrittore.


Delega

Ciascuna o tutte le fasi connesse al concorso a premi (estrazioni, chiusura) possono essere delegate dal legale rappresentante della ditta promotrice a proprio rappresentante tramite delega scritta, indirizzata alla Camera di Commercio, recante la denominazione del concorso, l'identificativo assegnato dal Ministero (se pervenuto) e la firma autenticata ovvero copia del documento d'identità del sottoscrittore.